SAM è il progetto di Fondazione Umberto Veronesi dedicato alla promozione della salute maschile, con un doppio obiettivo:

SOSTENERE LA RICERCA

Supportando medici e scienziati che lavorano per trovare nuovi metodi di diagnosi precoce e nuove combinazioni terapeutiche per le malattie che hanno maggiore incidenza negli uomini.

DONA ORA

PROMUOVERE LA PREVENZIONE

Facendo informazione in modo serio, accurato e aggiornato sul tema delle malattie che colpiscono principalmente gli uomini di tutte le età

Aiutaci

A SOSTENERE 10 RICERCATORI SPECIALIZZATI NELLA RICERCA SULLE MALATTIE TIPICAMENTE MASCHILI come il tumore alla prostata, il tumore al testicolo e tumore alla vescica (che colpisce gli uomini 3 volte più delle donne).

Dona 20 euro

CON 20€ PUOI SOSTENERE DUE ORE DI LAVORO DI UN RICERCATORE

CON 35€ SI POSSONO COMPRARE 105 VETRINI per studiare le cellule al microscopio e trovare nuove cure per i tumori

Dona 35 euro
Dona 80 euro

CON 80€ PUOI SOSTENERE UN'INTERA GIORNATA DI LAVORO DI UN RICERCATORE impegnato nella lotta contro i tumori

Le Storie

Il tumore alla prostata è uno dei più diffusi negli uomini. Il principale fattore di rischio è l'età. La probabilità di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è del 91%. Ma il tumore alla prostata non dà sintomi evidenti. Per questo è bene sottoporsi regolarmente alle visite specialistiche perché possa essere diagnosticato in tempo. Questa è la storia di Piergianni, 85 anni, che è guarito e ci racconta di come si debba avere sempre fiducia nella scienza medica. E di come, grazie ai progressi di quest'ultima, possa ancora abbracciare il suo amato nipote Ludovico.

La storia di Piergianni Bracciani

Piergianni, detto Gianni, ha 85 anni: oltre 10 anni fa ha avuto il tumore alla prostata. "Ho scoperto il tumore per caso: non avevo mai effettuato controlli, e il mio medico di base mi ha suggerito di effettuare un'analisi del PSA: i valori erano altissimi.
A quel punto sono andato da un urologo per una visita accurata: l'ecografia alla prostata ha identificato un tumore, già in prossimità dei linfonodi".
Gianni si è quindi sottoposto all'intervento chirurgico: per fortuna, grazie alla diagnosi precoce, non ha dovuto fare cure troppo invasive, come chemio e radioterapia. "Sono stato fortunato perché ho identificato il tumore in una fase ancora iniziale, prima che desse sintomi".

La storia di Gianni è servita di esempio ad amici e familiari:

"Quando ha saputo la mia storia, anche mio fratello Giorgio ha fatto gli esami, e anche a lui hanno trovato un tumore alla prostata. Per fortuna anche lui ora sta bene".



Altri amici di Gianni sono stati meno fortunati, il tumore era più avanzato e alcuni di loro sono ancora in cura con la radioterapia.

"Ho sempre avuto fiducia nella medicina, fin dall'inizio; ora sono qui, a distanza di oltre 10 anni dalla diagnosi: anni in cui ho potuto tornare alla mia vita normale e in salute, lavorando nella mia azienda ma soprattutto passando il tempo con la mia famiglia, in particolare con mio nipote Ludovico che quando mi sono ammalato aveva solo 2 anni e ora è diventato un bel giovanotto".
Dona ora

La Missione

La Fondazione Umberto Veronesi rappresenta un punto di riferimento di eccellenza negli ambiti della Ricerca Scientifica, della prevenzione e della diffusione di una cultura della salute, con una particolare attenzione al rispetto dell'etica e della libertà della persona.
Ogni anno sostiene il lavoro di brillanti ricercatori nelle migliori università e centri di ricerca in tutta Italia, impegnati in campo Oncologico, Cardiologico e delle Neuroscienze.

Perché la Ricerca fa bene a tutti, anche a te.

www.fondazioneveronesi.it